TRENTACINQUE ANNI DI STORIA PER LO SPORT

(di Natalino Tagliapietra)


La nascitaQuadro-Padri-fondatori

Fino al 1980 la provincia di Vicenza era rappresentata dalle Sezioni arbitrali di Vicenza e Bassano del Grappa. In realtà, già dal lontano 1933 operavano, per la Sezione di Vicenza, alcuni arbitri di Schio e dintorni e il loro numero continuò ad aumentare nel corso degli anni successivi tanto che, agli inizi degli anni ’80 – su iniziativa del Presidente Regionale Danilo Bigi e di Ferdinando Callegaro, Presidente della Sezione madre – un gruppo di associati (39), residenti nelle Valli dell’Agno, del Leogra e dell’Astico (che comprendono i comprensori di Schio, Thiene e Valdagno) sentirono l’esigenza di separarsi dalla Sezione “Nereo Bertoli” di Vicenza per dare vita ad una nuova Sezione arbitrale. Tale scelta si rese necessaria per motivi logistici e per la necessità di una razionale organizzazione dell’attività arbitrale in campo provinciale.

Il Commssario Straordinario Antonio Spillare con Michele Buso, Danilo Bigi, Helenio Herrera ed Enrico Galuppo

Il Commssario Straordinario Antonio Spillare con Michele Buso, Danilo Bigi, Helenio Herrera ed Enrico Galuppo

Un comitato ristretto di arbitri dell’Alto Vicentino, denominato “I sette padri fondatori”, composto da Francesco Enea, Enrico Pavanati, Vasco Peruzzo, Achille Santacaterina, Luciano Sbarra, Antonio Spillare e Natalino Tagliapietra, decise di chiedere ufficialmente al Settore Arbitrale (era il 7 gennaio 1981), la costituzione della nuova Sezione Arbitri di Schio; in qualità di Commissario straordinario fu indicato il nominativo dell’a.f.q. Antonio Spillare. Circa 6 mesi dopo, il giorno 01/07/1981, arrivò la conferma ufficiale a seguito della pubblicazione del Comunicato Ufficiale dell’A.I.A. – Settore Arbitrale: “Vista la proposta formulata dal Comitato Regionale per il Veneto, il Consiglio ha deliberato, ai sensi dell’art. 9 comma d) del vigente Regolamento di Settore, la istituzione – a decorrere dal 1° luglio 1981 – della Sezione A.I.A. – S.A. di Schio (VI), fissandone la relativa zona di giurisdizione. Il Comitato di Presidenza ha nominato, contestualmente, Commissario Straordinario l’a.f.q. Antonio Spillare al quale verrà conferito l’incarico dalla data di istituzione della predetta Sezione”. Il 27 agosto 1981 lo stesso Antonio Spillare venne nominato primo Presidente della Sezione.

1982 Inaugurazione della Sezione

1982 Inaugurazione della Sezione

Aldo Frezza 2

Aldo Frezza

La Sezione, con competenza territoriale su 35 Comuni dell’Alto Vicentino, venne intitolata ad Aldo Frezza (giovane arbitro prematuramente scomparso all’età di 29 anni). La prima sede associativa trovò spazio nel quartiere di Magrè nella scuola elementare di via Collareo, gentilmente messa a disposizione dall’Amministrazione Comunale di Schio, in primis dal Sindaco Giuseppe Berlato Sella e dall’Assessore GianLuigi Fontana. L’inaugurazione ufficiale ebbe luogo il 22 maggio 1982 alla presenza di tutti gli associati (76), di numerosi dirigenti nazionali e regionali, tra cui il CAR Michele Buso, Ercole Checchin e il Presidente del Comitato Regionale Danilo Bigi, nonché di illustri ospiti come Helenio Herrera, l’Avvocato Sergio Campana e l’arbitro Internazionale Luigino “Gigi” Agnolin.

 

 


I primi vent’anni

Un dopo riunione negli anni 80

Un dopo riunione negli anni 80

Oreste Graziani

Oreste Graziani

I primi passi della neonata sezione furono “illuminati” anche grazie al contributo di colleghi esperti e con prestigiosi trascorsi arbitrali, quali: Igino Ferracin (primo Organo Tecnico Sezionale), Oreste Graziani (fino al 1980 Arbitro di serie “C” e successivamente Osservatore Arbitrale per due anni alla CAN/D) e Luciano Sbarra (assistente alla CAN appena dismesso).

La punta di diamante del momento era rappresentata da Natalino Tagliapietra, in forza alla CAN/C come arbitro. Fin dall’inizio non furono trascurate le attività ricreative per rinsaldare sempre di più lo spirito associativo tra i colleghi, con varie iniziative come: il carnevale degli arbitri, Babbo Natale dei ragazzi, Natale delle famiglie, ecc., che coinvolsero anche le famiglie e gli amici degli arbitri. Annualmente si organizzarono anche i raduni pre-campionato tenutisi a Canove di Roana, Asiago, Tonezza del Cimone e Passo Vezzena. Tra le varie manifestazioni alle quali la Sezione scledense partecipò, si ricorda in particolare quella del maggio 1987 e cioè la fiaccolata, indetta dall’AIA centrale e organizzata da Luigino Agnolin, per festeggiare il 75° della nostra Associazione. Durante tale emozionante evento, alcuni associati ricoprirono il prestigioso ruolo di tedofori: prima sul passo San Pellegrino e poi dal Lago di Garda verso la città di Verona. Degno di nota anche il successo riscosso come squadra alle annuali feste regionali, segnate dalla numerosa partecipazione degli associati e dai successi conseguiti nelle gare sportive.

Alla fine della stagione sportiva 1989/90 il Presidente Spillare lasciò l’incarico, che venne affidato a Samuele Levato, e assunse l’incarico nazionale di componente della Commissione di Controllo e Coordinamento, dove rimase per due anni, prima di essere nominato, per la stagione sportiva 1992/93, Componente del Centro Studi e Documentazione.

Il neo Presidente Levato conosceva bene la sezione perché era da cinque anni responsabile tecnico e quindi impresse un’accelerazione notevole alle risorse umane, generando motivazione e voglia di successo. La sezione crebbe in numero, tanto da arrivare a quota 166 associati, e in qualità a tal punto che generò un flusso continuo di passaggi agli O.T. Nazionali. La Sezione, sotto la guida di Levato e dei suoi collaboratori, si sviluppò anche sotto l’aspetto associativo. Il 21 febbraio 1992, si festeggiarono i primi dieci anni di vita: tante personalità e dirigenti nazionali parteciparono prima alla conferenza-dibattito su “L’arbitro: ieri, oggi e domani” con relatore Francesco Francescon di Padova (Vice Commissario alla CAN) e, successivamente, alla cena di gala. Per l’occasione fu stampato un libretto con la storia dei primi dieci anni di vita associativa.

Natalino Tagliapietra arbitro alla CAN-C

Natalino Tagliapietra arbitro alla CAN-C

Roberto Bortoli arbitro CAN-C

Roberto Bortoli arbitro alla CAN-C

Nel 1993 la Sezione, a riconoscimento del ruolo e dell’importanza ormai assunta in ambito regionale, ebbe l’incarico di organizzare la Festa degli arbitri veneti. Il presidente Levato e i suoi collaboratori, il 20 giugno 1993 accolsero e ospitarono a Piovene Rocchette circa 1.200 associati e familiari provenienti da tutta la regione. La manifestazione vide la partecipazione dei massimi dirigenti nazionali e regionali, tra cui Stefano Tedeschi (Vice Presidente AIA) e Paolo Casarin (Commissario CAN), insieme a molti arbitri di serie A. Per quanto riguarda i risultati arbitrali in campo nazionale, verso la fine degli anni Ottanta arbitrò alla CAN/C Roberto Bortoli, mentre Natalino Tagliapietra fu promosso guardalinee alla CAN, dove operò con grande successo tanto che, negli anni, oltre ad essere impegnato in prestigiosi incontri nazionali, fu chiamato a svolgere la funzione di primo assistente arbitrale ufficiale operante in ambito internazionale, in compagnia di Sancricca di Macerata e dell’arbitro Rosario Lo Bello di Siracusa nella partita Germania-Resto del Mondo, disputata a Monaco di Baviera l’8 ottobre 1991. La Sezione di Schio viene ricordata anche per questo prestigioso traguardo. Maurizio Boniver si fece strada prima come arbitro e poi come Commissario Speciale alla CAN/D, mentre Antonio Spillare operò come Commissario Speciale alla CAI, alla CAN/D e poi alla CAN/C.

Natalino Tagliapietra e Van Vasten

Natalino Tagliapietra con Marco Van Vasten

Roberto Bortoli arbitro CAN-C

Roberto Bortoli arbitro CAN-C

Negli anni ’80 – ’90 si fecero strada i primi arbitri nati e cresciuti nella nuova Sezione. Furono promossi alla CAN/D: Silvano Toniolo, Riccardo Dalle Fusine, Gianni Grigolato, Pierangelo Ruaro, Denny Casarotto, Emanuele Zenere, Federico Casa, Andrea Giovanardi, Erasmo Scatigna, Stefano Tomasi, Michele Dalla Vecchia, Arnaldo Levato, Enrico Brusaterra e Daniele Orsato, seguiti poi dai colleghi Alessandro Balasso e Sebastiano Peruzzo. Emanuele Zenere nel 1996, diventò il primo arbitro nato e cresciuto in Sezione a raggiungere i campionati professionistici della serie C.

Erasmo Scatigna arbitro CAN-D

Erasmo Scatigna arbitro CAN-D

La prima presenza femminile in Sezione risale alla fine del 1991 con Alessia Lazzaretto che superò brillantemente gli esami di arbitro seguendo le orme dei suoi tre fratelli che l’avevano preceduta nell’attività arbitrale. Con il passare degli anni, il numero dei fischietti rosa aumentò notevolmente e si raggiunsero risultati lusinghieri con l’arrivo alla CAN D di Anna De Toni e successivamente anche di Alessia Lazzaretto. Claudio Rossi e Giacomo Borgo, negli anni Novanta, operarono nel Calcio a cinque nazionale: il primo nel campionato di serie A, il secondo in quello di serie B. In CAN/D operarono in qualità di assistenti arbitrali i colleghi: Dario Casalini, Guido Crepaldi, Franco Soliman, Roberto Filippi e Michele De Cunzolo. Gli ultimi due raggiunsero anche la serie C.

Emanuele Zenere arbitro CAN-C

Emanuele Zenere arbitro CAN-C

Al termine della stagione 1996/97 il Presidente Samuele Levato lasciò l’incarico a Natalino Tagliapietra e divenne componente del C.R.A. Veneto. Levato operò come dirigente a disposizione dell’AIA e del Comitato Regionale dal 1997/98 alla fine della stagione sportiva 2009/2010, ricoprendo ora incarichi tecnici, ora amministrativi, prima di ritornare a disposizione della Sezione. Il neopresidente Tagliapietra, dopo aver cessato l’attività tecnica, continuò a prodigarsi per la Sezione e per il Comitato Regionale, svolgendo l’incarico di Rappresentante AIA presso il Giudice Sportivo regionale dal 1992 al 1996. Ereditò una sezione vitale e in evoluzione. Il lavoro suo e dei suoi collaboratori fu impegnativo e oneroso sia sotto l’aspetto associativo che tecnico. Inoltre, dovette far fronte anche al cambio della sede sezionale, che nel 2001 si trasferì dalla sede originaria di via Collareo a quella allestita in via Camin.

Per celebrare i 20 anni di attività della Sezione, il presidente Tagliapietra con l’aiuto dei suoi collaboratori fece pubblicare un’edizione straordinaria illustrata di cinquanta pagine del giornalino “Il Fi-Schio”. L’8 giugno 2001 fu organizzata una magnifica serata al ristorante “La Villa” di San Quirico di Valdagno a cui presenziarono numerose autorità, importanti dirigenti e arbitri nazionali e regionali, autorità federali e di società con la presenza, per la prima volta in assoluto per la Sezione sezione, del Presidente Nazionale dell’Associazione Italiana Arbitri Tullio Lanese e del presidente del Vicenza Calcio, Aronne Miola. A chiusura della stagione arrivò per Tagliapietra il Premio Nazionale “Luciano Manzoli”, quale Presidente di sezione particolarmente distintosi nel corso della stagione sportiva. Nel settembre 2001 anche la rivista nazionale “L’Arbitro” ricordò i “Primi vent’anni” di vita della Sezione, in un articolo commemorativo, in cui fu citata ufficialmente la pubblicazione dell’edizione straordinaria del giornalino sezionale “Il Fi-Schio”, inizialmente voluto e denominato “Il Fischietto” dall’allora Presidente Levato nel 1995 e mutato in “Il Fi-Schio” da Tagliapietra nel 1998, per legare lo strumento utilizzato dagli arbitri al nome della Città di Schio, che ospita la sezione. La pubblicazione mensile del giornalino sezionale venne redatta con la supervisione e la competente regia del collega (e giornalista) Giancarlo Brunori, che per un lungo periodo fu coadiuvato dal compianto collega Giacomo Borgo.

L'assistente Natalino Tagliapietra con l'arbitro Alfredo Trentalange

L’assistente Natalino Tagliapietra con l’arbitro Alfredo Trentalange

Inaugurazione campo Ai Pini - da sx Paolo Cacciavillan, Alessandro Balasso, Natalino Tagliapietra e Stefano Tomasi

Inaugurazione campo Ai Pini – da sx Paolo Cacciavillan, Alessandro Balasso, Natalino Tagliapietra e Stefano Tomasi

L'arbitro Internazionale Femminile Alessia Lazzaretto con i fratelli arbitri Emanele, Cristiano e Franz Davide

L’arbitro Internazionale Femminile Alessia Lazzaretto con i fratelli arbitri Emanele, Cristiano e Franz Davide


Il nuovo millennio

Il Presidente Onorario Antonio Spillare premiato da Zenere, Tagliapietra, Levato e Maino

Il Presidente Onorario Antonio Spillare premiato da Zenere, Tagliapietra, Levato e Maino

Dall’anno 2000, numerosi furono i traguardi per la Sezione di Schio a conferma, ancora una volta, dell’ottimo lavoro svolto nella selezione e nella valorizzazione dei giovani arbitri. Nella stagione sportiva 2000/2001, sotto la presidenza Tagliapietra, tennero alto il nome della Sezione l’Assistente della CAN “A e B” Silvano Toniolo, l’Arbitro della CAN “C” Emanuele Zenere con l’Assistente Roberto Filippi e nel Calcio a 5 nazionale Claudio Rossi. Nel Campionato Nazionale Dilettanti da evidenziare l’ottimo inserimento di Alessandro Balasso, come pure da segnalare la conferma degli arbitri Enrico Brusaterra e Daniele Orsato e dell’Osservatore Arbitrale Maurizio Boniver al suo quinto anno di esperienza. Anna De Toni e Alessia Lazzaretto furono impegnate con ottimi risultati come arbitri nella massima serie nazionale di calcio femminile.

L'assistente Silvano Toniolo con l'arbitro Pierluigi Collina

L’assistente Silvano Toniolo con l’arbitro Pierluigi Collina

Nel corso degli anni, la sezione fu in grado di contare inoltre sulle giovani leve arbitrali regionali come Sebastiano Peruzzo, Francesco Busin, Paolo Cacciavillan e Filippo Spillare in Eccellenza; Guido Emiliano, Federico Mojentale, Adriano Dal Maistro, David Radin e Giulio Battistella in Promozione e il giovane Angelo Ciscato in prima categoria; assieme a loro gli Assistenti Giancarlo Brunori, Giacomo Borgo, Nicola Antoniazzi, Giuseppe Gabrielli, Massimo Corradin, Paolo Murari, Luca Tieso, Franco Soliman, Dario Casalini e Matteo Filosofo e gli esperti Osservatori Arbitrali Francesco Pettinà, Michele Dalla Vecchia, Erasmo Scatigna e Daniele Urbani.

Con il trasferimento delle gare di seconda categoria dalla regione alle sezioni, avvenuto nel novembre 2000, furono messi a disposizione dell’O.T.S. gli arbitri regionali Enrico Bistore, Emanuele Lazzaretto, Cristiano Lazzaretto e Mauro Toniolo. Il Calcio a 5 nel corso di questi anni ebbe un notevole sviluppo, sia a livello locale, sia a livello provinciale e regionale. Numerosi gli arbitri promossi al Comitato Regionale per la direzione delle gare di serie “C”: Luca Barbieri, Enrico Benetti, Omar Dal Maso, Riccardo Meneghini, Diego Novello, Francesco Puglisi, Gianmarco Saccoccio e Pierangelo Ruaro in qualità di Osservatore Arbitrale e referente regionale per la preparazione atletica.

Soliman, Peruzzo e Alfonsini

Soliman, Peruzzo e Alfonsini

Nel biennio 2002 – 2004, sempre sotto la guida del presidente Tagliapietra, ben 9 arbitri furono proposti per il passaggio all’ O.T.R.: Filippo Brigo, Davide Marcolin, Matteo Dal Zotto, Paolo Gaiga, Daniel Borgo, Raffaele Ferrante, Marta Manzardo, Roberto Stella e Antonio De Longhi; ad essi si aggiunsero i colleghi Giulia Saccardo e Igor Anzolin inseriti nell’organico degli assistenti arbitrali regionali. Per il Calcio a 5 furono promossi come arbitri all’Organo Tecnico Regionale i colleghi Flavio Santacaterina e Andrea Mion. Questi due anni furono importanti per alcuni dei nostri associati, tra cui Daniele Orsato eccellente arbitro di serie C, Alessandro Balasso il più giovane Assistente Arbitrale di serie C e Franco Soliman, affermato assistente arbitrale di serie D. Si comportarono ottimamente, rafforzando le loro posizioni, gli altri colleghi nazionali Silvano Toniolo assistente arbitrale di serie “A”, Sebastiano Peruzzo, Alessia Lazzaretto e Anna De Toni, arbitri a disposizione della CAN D. La De Toni nel 2002 venne nominata Arbitro Internazionale e fu inserita nel gruppo “top” degli arbitri europei operanti a livello femminile. Da allora ebbe, per un lungo periodo, l’opportunità di dirigere gare molto importanti, tra cui Norvegia – Francia, e nel 2004 di partecipare in Thailandia ai Mondiali Femminili Under 19, dirigendo ben tre gare, di cui un quarto di finale e una semifinale.


Don Franco Soliman

Don Franco Soliman

Franco Soliman arbitro in campo e pastore nella vita

A quarant’anni, dopo seicento partite dirette ed essersi laureato in Economia e Commercio e aver lavorato in banca, Franco Soliman è diventato Sacerdote Paolino.

Franco ha sostenuto gli esami di arbitro presso la sezione di Schio il 5 dicembre 1992 con l’allora presidente Samuele Levato. Ha diretto importanti gare fino alla prima categoria, per poi approdare all’attività di Assistente Arbitrale a disposizione del Comitato Arbitri Regionale Veneto per quattro stagioni sportive. Dal 2002 è stato alle dipendenze della CAN-D, dove è rimasto per altre quattro stagioni sportive. Nel 2006 è tornato a far parte dell’O.T.S. e si è trasferito alla sezione di Milano per poter continuare ad arbitrare e proseguire gli studi teologici.

A Schio per due stagioni sportive, con la presidenza di Natalino Tagliapietra, ha fatto parte del Consiglio Direttivo Sezionale e per un anno è stato membro del Collegio dei Revisori.

Anna De Toni arbitro Internazionale Femminile

Anna De Toni arbitro Internazionale Femminile


Nel 2004 e nel 2005 la Sezione “Aldo Frezza” ottenne lusinghieri risultati tecnici: Anna De Toni e Sebastiano Peruzzo furono promossi alla CAN C (Anna fu la prima donna in Italia a raggiungere tale traguardo, mentre Sebastiano fu il più giovane arbitro promosso in terza serie). Passarono invece alla CAN D gli assistenti Igor Anzolin, Giulia Saccardo e l’osservatore arbitrale Erasmo Scatigna; mentre fu dismesso dalla CAN l’assistente arbitrale Silvano Toniolo, dopo otto anni di onorata presenza in serie A e B.

Nel mese di giugno 2006 si svolsero le votazioni per il presidente sezionale: fu eletto Emanuele Zenere, che aveva retto la Sezione pro-tempore dopo le dimissioni di Natalino Tagliapietra nel luglio 2005, chiamato poi dal Presidente Regionale Tarcisio Serena ad assumere l’incarico di Componente del Comitato Regionale Arbitri Veneto per quattro anni. Zenere si avvalse della collaborazione dei colleghi Gianantonio Dal Santo e Paolo Cacciavillan in qualità di collaboratori tecnici, di Giorgio Ferretto e Silvano Toniolo come vice presidenti. In novembre venne convocato a Roma per l’elezione del Presidente Nazionale dell’AIA. Fu eletto Cesare Gussoni, sostituendo Luigi Agnolin, che aveva retto per cinque mesi l’associazione come Commissario.

Al temine della stagione sportiva 2005/2006 fu promosso alla CAN A e B l’arbitro Daniele Orsato, mentre la collega Alessia Lazzaretto fu inserita nei ruoli di Arbitro Internazionale Femminile e l’arbitro Andrea Mion fu promosso alle dipendenze della Commissione Arbitri Nazionale di Calcio a 5 (dopo alcuni anni di esperienza in serie B, esordì in serie A2 a Terni il 20 novembre 2010).

Daniele Orsato

Daniele Orsato

Il gruppo dei supporter di Daniele Orsato a Siena

Il 17 dicembre 2006 Daniele Orsato – primo arbitro nella storia della Sezione – debuttò in serie A, nella gara Siena-Atalanta; per l’occasione gli associati organizzarono la trasferta in pullman per dare la possibilità a 40 tra colleghi, amici e familiari dell’arbitro di assistere all’importante evento. Durante questa stagione sportiva sostennero gli esami per Osservatori Arbitrali gli Arbitri fuori quadro Giancarlo Brunori, Laura Dal Maistro e Giampietro Maino, superando la prova brillantemente.

Al termine della stagione sportiva 2006/2007 fu promosso alla CAN D l’Assistente Arbitrale Andrea Dalla Costa. Furono promossi Osservatori Arbitrali Regionali i colleghi Giorgio Ferretto e Giampietro Maino, mentre Giancarlo Brunori fu nominato responsabile degli Osservatori Sezionali, incarico assegnato nella stagione sportiva 2007/08 dal presidente Emanuele Zenere a Giampietro Maino. Durante questi anni, la Sezione si è onorata di avere quali relatori alle Riunioni Tecniche Sezionali Alfredo Trentalange, Oscar Girardi e Diego De Leo.

Giampietro Maino

Giampietro Maino

Il 30 maggio 2008 si svolsero le elezioni del Presidente Sezionale. Due furono le candidature: Gianantonio Dal Santo e Giampietro Maino. Alla votazione parteciparono 81 associati con il seguente risultato: 49 voti per Maino e 29 per Dal Santo, con due schede nulle e una bianca. Il nuovo presidente Giampietro Maino annunciò il suo programma. Obiettivi principali: lavorare con i giovani organizzando corsi arbitrali nelle scuole, superare il traguardo dei 150 associati per garantire maggiore continuità all’attività già posta in essere, intensificare la vita associativa e trovare una nuova sede sezionale più funzionale. Nominò due vice presidenti: Paolo Cacciavillan (delegato tecnico sezionale) e Giorgio Ferretto (responsabile degli O.A.); segretario Stefano Pigato e Claudio Rossi responsabile del Calcio a 5. Nella primavera del 2009 Maino fu chiamato a Roma per eleggere il Presidente Nazionale della nostra associazione. Venne eletto Marcello Nicchi, che nel mese di luglio nominò Presidente del CRA Veneto Roberto Bettin della sezione di Padova.

A conclusione della stagione sportiva 2007/2008, la Sezione ottenne ancora una volta lusinghieri traguardi: la promozione alla CAN A e B di Sebastiano Peruzzo, mentre Davide Marcolin fu promosso alla CAI (arbitri interregionali). Alessia Lazzaretto fu confermata alla CAN D e Arbitro Internazionale Femminile.

peruzzo

Sebastiano Peruzzo arbitro alla CAN A

Sebastiano Peruzzo esordì in serie A il 18 gennaio 2009 nella gara Cagliari-Udinese con un primato assoluto, quello di essere stato il più giovane debuttante di tutti i tempi nella massima serie a 28 anni e 4 mesi. Gli osservatori Michele Dalla Vecchia e Daniele Urbani furono promossi dalla regione alla CAI (Commissione Arbitri Interregionale). Al termine della stagione sportiva 2008/2009 furono promossi: il collega Davide Marcolin alla CAN D e la collega Michela Grotto alla CAI. Nel mese di aprile 2009 superarono brillantemente gli esami di osservatore arbitrale i colleghi Massimo Corradin, Adriano Dal Maistro e Luca Tieso.

Per la stagione sportiva 2009/2010, vennero confermati, oltre al segretario Manuel Maraschin, i Vice presidenti sezionali Giorgio Ferretto e Paolo Cacciavillan, il primo responsabile degli osservatori, il secondo addetto alla formazione etico-morale degli arbitri e aiuto del Collaboratore Tecnico Sezionale Stefano Pigato. A Giancarlo Brunori, ancora una volta, venne affidato il compito di curare i rapporti esterni con le varie istituzioni, mentre Flavio Santacaterina sostituì Claudio Rossi nel Calcio a 5, dopo la promozione di quest’ultimo a Osservatore arbitrale regionale.

L'arbitro Internazionale Daniele Orsato

L’arbitro Internazionale Daniele Orsato

Una grande soddisfazione arrivò il 17 dicembre 2009 quando Daniele Orsato ricevette dal Presidente Nazionale la nomina ad arbitro internazionale; la sua gara d’esordio fu Austria-Svizzera (2-3) disputata ad Innsbruck e valida per i preliminari degli europei U19. Intanto Alessia Lazzaretto venne confermata arbitro internazionale di calcio femminile.

Venerdì 14 maggio 2010, in occasione dell’assemblea biennale ordinaria sezionale, si verificarono due importanti avvenimenti: la nomina del Presidente Onorario nella persona di Antonio Spillare e la scelta di intitolare a Giacomo Borgo la nuova sala riunioni. In occasione della cena sezionale del 21 maggio, il Presidente Giampietro Maino diede ufficialmente notizia agli associati che l’Amministrazione Comunale di Schio, per volontà del Sindaco Luigi Dalla Via, avrebbe messo a disposizione della “Aldo Frezza” una nuova confortevole Sede Associativa in via Marconi 25, in pieno centro storico a Schio.

Orsato e Peruzzo al centro Coni

Peruzzo e Orsato al centro Coni di Scho

A conclusione della stagione sportiva 2009/2010 fu promosso alla Commissione Arbitri Interregionale Sergio Posado; l’O.A. Daniele Urbani passò dalla CAI alla CAN D, sostituendo Erasmo Scatigna che abbandonò per limiti di appartenenza al ruolo, mentre Michele Dalla Vecchia fu confermato alla CAI. L’Osservatore Claudio Rossi fu promosso alla CAN C/5, sostituendo Pierangelo Ruaro che lasciò dopo aver raggiunto gli otto anni di appartenenza al ruolo. La soddisfazione più grande per la sezione “Aldo Frezza” fu quella dell’inserimento dei due “big” Daniele Orsato e Sebastiano Peruzzo nell’organico dei 20 arbitri della serie A, dopo la creazione della CAN A e della CAN B seguita alla scissione della lega calcio in Lega A e Lega B. Durante il biennio 2008-2010 furono numerosi gli ospiti relatori che impreziosirono le lezioni tecniche obbligatorie; ricordiamo: Stefano Farina, Gennaro Borriello, Massimo Saccani, Andrea Gervasoni, Luca Banti, Sergio Cassingena, Giovanni Stevanato. Inoltre furono approntate numerose iniziative associative oltre ai raduni pre-campionato svoltisi ad Eraclea a Mare, ad Asiago e al Centro Tecnico Federale del Coni a Schio, nonché quello a metà campionato, assieme alla Sezione di Este (PD), a Malga Granezzetta di Lugo Vicentino.

 

Nella stagione sportiva 2010/2011, il Presidente Giampietro Maino chiamò Natalino Tagliapietra (confermato dal Settore Tecnico dell’AIA quale membro del progetto UEFA “Talent & Mentor program”), a far parte del consiglio direttivo come Vice Presidente, conferendo l’incarico di responsabile degli Osservatori Arbitrali a Erasmo Scatigna; come Delegato Tecnico Sezionale venne confermato Stefano Pigato, mentre l’incarico di segretario fu affidato ad Alberto Zanocco.

La “Aldo Frezza” contava su ben 161 associati, uno dei traguardi più significativi dei 30 anni di vita della Sezione e dove davvero nutrito era il gruppo di Arbitri, Assistenti e Osservatori Arbitrali alle dipendenze dell’Organo Tecnico Regionale. Massimo Corradin, Anna De Toni, Francesco Pettinà e Pierangelo Ruaro (C5) in qualità di Osservatori; Igor Anzolin, Stefano Chemello, Luca Ruaro, Giulia Saccardo, e Gian Matteo Siviero in qualità di Assistenti; Marco Acampora, Lucio Boschetti, Massimiliano Dalla Corte, Raffaele Ferrante, Marco Gasparin, Stefano Gosetto, Fabio Lissa, Manuel Maraschin, Davide Moro, Davide Pedroni, Gianluca Toniolo e Riccardo Zanella per gli arbitri calcio a 11 e Daniel Borgo, Marco Bortoloso, Matteo Dal Zotto, Paolo Gaiga, Michele Reghellin, Flavio Santacaterina per quelli del calcio a 5.


Il logo del Trentennale

Il logo del Trentennale

Festa per il Trentennale della Sezione

Il taglio del nastro della nuova sezione

Il taglio del nastro della nuova sezione

Il 10 giugno 2011 fu una giornata storica per la Sezione di Schio, nella festa per i 30 anni di vita della “Aldo Frezza”: nello stesso giorno venne inaugurata la nuova sede sociale (con la sala riunioni intitolata a Giacomo Borgo) e posta la firma al protocollo d’intesa con la Regione Veneto per la promozione della sensibilizzazione all’attività di arbitro di calcio e la diffusione della cultura del rispetto delle regole.

L'indimenticato Giacomo Borgo

L’indimenticato Giacomo Borgo

In quell’occasione il Presidente Maino accolse alcune tra le più alte rappresentanze dell’A.I.A. con in testa il Presidente nazionale Marcello Nicchi, il responsabile del Settore Tecnico Alfredo Trentalange, il responsabile della CAN D Tarcisio Serena, il responsabile del SIN Antonio Zappi, il Presidente del Comitato Regionale Roberto Bettin, l’arbitro internazionale Gianluca Rocchi, numerosi altri ospiti e tutti i Presidenti delle sezioni arbitrali del Veneto.

Il momento della firma

Il momento della firma con Maino, Miola, Nicchi, Donazzan e Bettin

Nutrita fu anche la presenza delle autorità civili e sportive: Elena Donazzan (Assessore Regionale all’Istruzione), Gianna Miola (Dirigente Ufficio Scolastico Regionale), Attilio Schneck (Presidente della Provincia di Vicenza), Luigi Dalla Via e Robertino Cappozzo (Sindaci di Schio e Lugo), G. Antonio Gasparini (Presidente della Comunità Montana Astico-Brenta), Gianfranco Bardelle, Presidente regionale del CONI, Luciano De Gaspari, delegato provinciale FIGC-LND.

Indimenticabile fu la festa che si tenne nella sontuosa cornice di “Villa Godi Malinverni” di Lugo di Vicenza; la cena di gala (durante la quale si svolse la consegna annuale dei riconoscimenti sezionali) e i fuochi d’artificio ad illuminare la serata, furono il suggello ai festeggiamenti per lo storico traguardo raggiunto.


Passato recente

Al termine della stagione sportiva 2010/2011 furono promossi alla CAN D l’assistente regionale Gian Matteo Siviero e l’osservatore arbitrale Michele Dalla Vecchia dall’Interregionale, mentre Stefano Gosetto fu promosso dal CRA alla CAI.

Dismesso dalla CAN D, per limiti di permanenza nel ruolo, l’assistente arbitrale Andrea Dalla Costa, rassegnarono le loro dimissioni l’arbitro interregionale Michela Grotto e l’arbitro CAN 5 Andrea Mion.

L’associato benemerito Natalino Tagliapietra fu nominato, per il terzo anno consecutivo, Componente della Commissione Mentor/Talent Program U.E.F.A. Convention, mentre Anna De Toni fu inserita nell’Area Formazione Studio Comunicazione e Marketing del Settore Tecnico dell’A.I.A..

Nella stagione sportiva 2011/2012 il Presidente Maino chiamò al suo fianco come Vice Presidenti l’A.f.Q. Erasmo Scatigna e l’A.e. Stefano Pigato, il primo responsabile degli Osservatori Arbitrali, il secondo in qualità di Delegato Tecnico Sezionale.

Nel dicembre 2011 in nostro Daniele Orsato venne promosso nella categoria “Elite Development” del gruppo degli arbitri internazionali.

I cinque presidenti della Aldo Frezza

I cinque presidenti della Aldo Frezza

Al termine della stagione, Giampietro Maino fu riconfermato presidente alla guida del sodalizio arbitrale scledense anche per il successivo quadriennio.

Al termine della stagione sportiva 2011/2012, ancora grandissimi risultati per la Sezione “Aldo Frezza” di Schio con ben 4 promozioni a livello nazionale: Davide Moro e Marco Gasparin (arbitri effettivi) promossi dalla Regione alla CAI, Daniel Borgo (arbitro calcio a 5) promosso dalla Regione alla CAN 5, Stefano Gosetto (arbitro effettivo) promosso dalla CAI alla CAN D.

Dismesso per limite di permanenza nel ruolo l’associato Sergio Posado.

Confermati nei rispettivi ruoli di a.e. int.le Daniele Orsato e a.e. Sebastiano Peruzzo alla CAN A, a.a. Luca Segna alla CAN B, a.e. Davide Marcolin e a.a. Gianmatteo Siviero alla CAN D, o.a. Claudio Rossi alla CAN 5, o.a. Michele Dalla Vecchia e o.a. Daniele Urbani alla CAN D.

Ben 12 associati della sezione scledense a disposizione degli organi tecnici nazionali!

L’11 maggio del 2012, Giampietro Maino fu riconfermato presidente alla guida del sodalizio arbitrale scledense anche per il successivo quadriennio.

Nella stagione sportiva 2012/2013 due conferme attese arrivarono anche a livello nazionale: Anna De Toni Componente nell’area Formazione Studio Comunicazione e Marcketing, Natalino Tagliapietra nell’area Formazione Commissione Progetto U.E.F.A. Mentor/Talent program”.

Il Comitato Nazionale dell’AIA assegnò al nostro associato Daniele Orsato il prestigioso e ambito Premio Nazionale “Giovanni Mauro”, per essersi maggiormente distinto sotto il profilo tecnico nell’ultima stagione sportiva, mentre lunedì 19 novembre 2012 l’Associazione Calciatori assieme all’Ussi premiò Daniele quale miglior arbitro del Triveneto per la s.s. 2011/2012.

Daniele, dopo la promozione alla categoria degli arbitri Internazionali “Elite Development” ricevuta nel gennaio 2012, ha diretto la finale-derby della Coppa di Romania tra Dinamo e Rapid, ha esordito in Champions League il 18 settembre 2012 dirigendo Dinamo Zagabria – Porto e nel mese di maggio, all’Olimpico di Roma, la finale di Coppa Italia, il “derby capitolino” fra Lazio e Roma. Il “curriculum” sportivo di Daniele Orsato viene costantemente aggiornato e pubblicato nella pagina a lui dedicata di questo sito.

Alla fine della S.S. 2012/2013 l’associato Davide Moro fu promosso dalla CAI alla CAN D, raggiungendo il confermato Stefano Gosetto, mentre l’associato Marco Acampora lasciò il CRA per approdare alla CAI., occupando il posto lasciato libero da Marco Gasparin. L’Osservatore Arbitrale Paolo Cacciavillan raggiunse il CRA dopo due anni di esperienza in Sezione.

Davide Marcolin, dopo quattro importanti anni di arbitraggio alla CAN D, fu immesso nel ruolo di Assistente Arbitrale alla CAN PRO.

Sotto l’aspetto dirigenziale, riconfermati Natalino Tagliapietra al Settore Tecnico dell’AIA nell’ambito del progetto UEFA “Talent & Mentor” e di Anna De Toni, sempre al Settore Tecnico, ma inserita nel modulo “Bio-Medico”. A livello sezionale il Presidente Maino nominò Vice Presidente e Organo Tecnico Michele Dalla Vecchia in sostituzione di Stefano Pigato.

Sebastiano Peruzzo con Jérémy Ménez

Sebastiano Peruzzo con Jérémy Ménez

La Sezione “Aldo Frezza” di Schio poté così vantare un record assoluto: per la prima volta fu rappresentata in tutte le categorie di ogni ordine e grado. L’associato Daniele Orsato come arbitro Internazionale, Sebastiano Peruzzo come arbitro alla CAN A, Luca Segna come assistente alla CAN B, Davide Marcolin assistente CAN PRO, Stefano Gosetto e Davide Moro arbitri CAN D, assieme all’assistente Gian Matteo Siviero e all’osservatore Daniele Urbani, Marco Acampora come arbitro alla CAI e l’associato Daniel Borgo come arbitro alla CAN 5 con l’osservatore Claudio Rossi. Stagione sportiva 2013/2014: il 17 febbraio 2014 Daniele Orsato fu chiamato a dirigere la finale della 66^ edizione del Torneo Internazionale di Viareggio fra il Milan e l’Anderlecht e il 3 maggio a Roma la finale di Coppa Italia fra Fiorentina e Napoli.

Orsato con Miralem Pjanic

Daniele Orsato con Miralem Pjanic

A termine della stagione sportiva una sola dismissione dalla CAN D per limite di permanenza al ruolo dell’assistente Siviero Gian Matteo, mentre fu promosso dal CRA alla CAI (Commissione Arbitri Interregionale) l’Osservatore Arbitrale Corradin Massimo.

Confermati in toto i colleghi Daniele Orsato (Arbitro CAN A e Internazionale), Sebastiano Peruzzo (arbitro CAN A), Luca Segna (Assistente Arbitrale CAN B), Davide Marcolin (Assistente Arbitrale CAN C), Stefano Gosetto (Arbitro CAN D), Davide Moro (CAN D), Daniele Urbani (Osservatore Arbitrale CAN D), Marco Acampora (Arbitro CAI) e Claudio Rossi (Osservatore CAN 5).

Confermato Dirigente Nazionale in qualità di Mentor nel progetto UEFA “Mentor&Talent program” Natalino Tagliapietra, mentre Anna De Toni dovette lasciare l’incarico dal Settore Tecnico poiché chiamata dal neo Presidente regionale Giuliano Vendramin a ricoprire il ruolo di Componente del Comitato Regionale Arbitri del Veneto.

Il Presidente Maino volle a far parte del Consiglio Direttivo Sezionale anche Sebastiano Peruzzo, Luca Segna, Stefano Gosetto e Riccardo Zanella (in sostituzione di Daniele Orsato), Davide Marcolin, Vasco Peruzzo e Daniel Borgo confermando Michele Dalla Vecchia (come Vice-Presidente), Alberto Zanocco segretario, Davide Moro, Flavio Santacaterina (calcio a 5) e Ares Beggiato.

Il 20 dicembre 2014 si svolsero gli esami per gli aspiranti arbitri: furono ben 36 (record per la sezione) i nuovi “fischietti” della Aldo Frezza che superarono brillantemente le prove.

Orsato ai Mondiali U20

Orsato ai Mondiali U20

Daniele Orsato rappresentò l’Italia alla fase finale dei Campionati Mondiali Under 20 in programma in Nuova Zelanda dal 30 maggio al 20 giugno 2015; diresse due gare di qualificazione e la semifinale del torneo Brasile – Senegal.

Anna De Toni Osservatore UEFA Femminile

Anna De Toni Osservatore UEFA Femminile

Luca-Segna

Luca Segna assistente in CAN B

Con grande soddisfazione, nel mese di maggio 2015, giunse la comunicazione che la collega Anna De Toni era stata inserita nei ruoli UEFA tra gli Osservatori Arbitrali di calcio a 11 femminile per il periodo 2015 – 2017.

Al termine della stagione sportiva 2014/2015 furono confermati nei rispettivi ruoli Nazionali: Daniele Orsato arbitro CAN A e Internazionale, l’assistente in Lega Pro Davide Marcolin, l’arbitro Davide Moro alla CAN D e Claudio Rossi Osservatore Arbitrale in CAN 5.

Promosso alla CAN D, dopo appena un anno di appartenenza alla CAI, l’Osservatore Arbitrale Massimo Corradin, mentre lasciarono, per limiti di appartenenza nei rispettivi ruoli, l’O.A. Daniele Urbani e l’arbitro Stefano Gosetto (CAN D), l’arbitro Marco Acampora (CAI) e l’Assistente Luca Segna (CAN B).

Dopo sette anni di gloriosa carriera alla CAN A, lasciò il fischietto Sebastiano Peruzzo per assumere le vesti di Dirigente nella Commissione Nazionale Dilettanti (CAN D).

Riconfermati Natalino Tagliapietra all’interno del Progetto UEFA “Mentor & Talent program” e Anna De Toni con l’incarico di Componente Regionale.

Andrea Dalla Costa, arbitro regionale calcio a 5 fu promosso dal CRA alla CAN 5.

La notizia più importante giunse nel mese di luglio, quando Daniele Orsato fu promosso nella categoria Elite UEFA per la stagione sportiva 2015-2016, raggiungendo i così i tre colleghi italiani Nicola Rizzoli, Gianluca Rocchi e Paolo Tagliavento nella più alta categoria arbitrale continentale.

Per il terzo anno consecutivo Daniele risultò primo nella graduatoria degli arbitri della serie A.


L’ultima stagione sportiva

Nella corso dell’ultima stagione sportiva 2015/2016, la Sezione di Bassano del Grappa, in occasione della festa sezionale (del 5 gennaio 2016), ha attribuito il primo premio intitolato alla memoria di Diego De Leo al nostro associato Natalino Tagliapietra, premio riservato al dirigente nazionale particolarmente distintosi nel corso della carriera; ricevendo il premio Natalino ha voluto consegnare a sua volta, a titolo personale, un riconoscimento speciale al suo talent Paolo Fiorese per il suo impegno e la sua grande passione per l’arbitraggio.

In data 9 gennaio 2016 viene conferito al nostro associato Massimo Tomasi il prestigioso “Premio Lorenzo Modena” (istituito in memoria dello sfortunato fischietto scaligero prematuramente scomparso in un campo di calcio nel dicembre 2007 che viene assegnato all’arbitro regionale particolarmente distintosi sotto l’aspetto tecnico e le valutazioni scolastiche).

Il nostro associato Stefano Gosetto, primo nella storia della Sezione, è entrato a far parte dell’organico nazionale degli arbitri Beach Soccer (CAN BS).

Al termine della stagione sportiva sono stati confermati nei loro rispettivi ruoli Nazionali: Daniele Orsato arbitro CAN A ed Internazionale, l’assistente in Lega Pro Davide Marcolin, gli Osservatori Arbitrali Massimo Corradin e Michele Dalla Vecchia (posizione congelata) alla CAN D, le importanti conferme nazionali degli arbitri del calcio a 5 Daniel Borgo, Andrea dalla Costa e dall’O.A. Claudio Rossi. L’ennesima conferma a Dirigente Nazionale di Natalino Tagliapietra nel progetto Mentor & Talent program – UEFA Convention del Settore Tecnico e quella prestigiosa di Sebastiano Peruzzo quale Componente della CAN D, quest’ultimo successivamente ha dovuto rinunciare all’incarico per motivi di lavoro, rimanendo tuttavia a disposizione dei giovani arbitri della Sezione.

Dopo gli ottimi risultati alla CAI, è stato promosso alla CAN D in qualità di assistente arbitrale l’associato Davide Pedroni, mentre il collega Luca Segna è il nuovo Vice del neo Presidente Dino Tommasi alla guida del CRA Veneto.

A conclusione della stagione sportiva sono stati dismessi dai rispettivi ruoli, l’arbitro Davide Moro dalla CAN D per raggiunti limiti di appartenenza al ruolo (successivamente transitato alla CAN PRO come assistente) e dal CRA il collega Manuel Maraschin per raggiunti limiti di età, mentre Giampietro Maino è stato inserito nell’organico degli Osservatori Arbitrali del campionato Nazionale Dilettanti.

Ultima grande soddisfazione di quest’estate per la nostra Sezione e per Daniele Orsato la Sua designazione come arbitro addizionale ad assistere Nicola Rizzoli agli ultimi Campionati Europei di Francia.

I_nuovi_arbitri

Il resto è storia recente: nel segno della continuità Giampietro Maino il 6 giugno 2016 passa il testimone di Presidente a Michele Dalla Vecchia ed una nuova esaltante stagione è ormai alle porte.

La Sezione scledense guarda già al futuro, con gli occhi puntati alle celebrazioni per il suo 40° anno di vita.

Abbiamo voluto scandire con solennità il trascorrere del tempo, riscoprendo il significato di un percorso che parte da molto lontano e che prosegue con lo sguardo rivolto all’orizzonte fino alle future generazioni per una ripartenza verso mete sempre più ambiziose. Un esempio per gli arbitri di domani, a coloro che guarderanno con ispirazione e orgoglio a ciò che è stato fatto prima di loro e che ha contrassegnato questa esaltante storia. Siamo certi che questa magnifica palestra di formazione umana e sportiva, il lavoro di squadra e i risultati sin qui conseguiti sapranno fornire altrettanti nuovi stimoli a tutti noi per la crescita della nostra magnifica Sezione, del Veneto e dell’intera Associazione Arbitrale.

E LA STORIA CONTINUA …

logo_aiaschio_old

PAGINA IN FASE DI AGGIORNAMENTO